venerdì 20 Dicembre 2019

Avvento 2019

Un’apertura al mondo, questa la proposta per l’Avvento della Caritas diocesana e del Centro Missionario diocesano per riconoscere come fratelli le purtroppo tante persone vittime di ingiustizie e violenze nel mondo.

“Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”

(Mt 25, 40).

Quest’anno poniamo la nostra attenzione ed il nostro cuore sulla Repubblica Democratica del Congo e sulla Guinea Bissau.

In Congo intendiamo sostenere la Caritas Diocesana di Kindu per l’acquisto di farmaci per il reparto maternità a Makopo (che abbiamo contribuito a costruire con la raccolta dell’Avvento 2017) ed alimentari e farmaci per i 420 detenuti della prigione di Kindu. Come ci ha raccontato in Cattedrale durante la Novena di Natale don Stanislas Abeli, Direttore della Caritas di Kindu, il suo paese vive due crisi: una strutturale, con uno Stato assente che non fornisce i servizi di base come la sanità, l’educazione, la sicurezza; ed una congiunturale, che dura almeno da venti anni, dovuta alla guerra ed ora alle violenze perpetrate dai numerosi gruppi armati che si contendono il controllo delle preziose miniere di oro, diamanti, coltan, cobalto… Risorse sfruttate dalla multinazionali con modalità che continuano ad alimentare questa situazione anziché risolverla. Don Stanislas ci ha invitato a non essere neutrali ed a schierarci per la giustizia.

La Caritas Nazionale della Guinea Bissau ci ha chiesto di intervenire per aiutare, con alimentari e prodotti per l’igiene, 3.600 bambini e mamme vulnerabili che accedono ai loro 4 Centri nutrizionali. Anche questo paese è uno dei più poveri del mondo (reddito medio annuo di € 500 all’anno), con un tasso di malnutrizione acuta del 6% e cronica del 25%, una mortalità infantile dell’8% e materna dello 0,56%.

L’anno scorso nella Giornata di fraternità sono stati raccolti € 11.315,84 destinati alle cure mediche delle vittime della guerra in Yemen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.