venerdì 28 Agosto 2015

EBOLA EPIDEMIA QUASI ESAURITA, MA GLI EFFETTI DURERANNO A LUNGO

, , , , , , , ,

guineaCON LA RACCOLTA DIOCESANA DELL’AVVENTO 2014

SONO STATI RACCOLTI € 7.623,84

L’epidemia di Ebola sembra essersi quasi esaurita. In Sierra Leone è stato dimesso l’ultimo paziente guarito da ebola. Lo segnala l’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo cui Adama Sankoh, una donna di 35 anni, è uscita l’altra mattina da un centro a Bombali dopo aver vinto la sua battaglia contro il virus. Nel Paese non si segnalano nuovi casi da oltre due settimane, secondo il Centro Nazionale di risposta a ebola. Tuttavia un piccolo numero di nuovi infetti è stato individuato in Guinea.

Secondo l’OMS i casi totali sono stati 26.593 ed i morti 11mila.

Ma gli effetti della malattia dureranno ancora a lungo. Nei paesi dell’Africa Occidentale gravemente colpiti, Sierra Leone, Liberia e Guinea Conakry, i sistemi sanitari erano già al collasso in partenza, e lo sono ancora di più in questo momento in cui molti medici ed infermieri sono deceduti durante la diffusione dell’Ebola. In questi sedici mesi c’è stato un peggioramento degli indicatori sulla mortalità neonatale e sulla mortalità materna. Un paio di mesi fa, c’è stata una epidemia di morbillo in Liberia. L’Ebola ha provocato come conseguenza un aggravamento della situazione sanitaria generale. Ora, la grossa sfida è quella di mettere fine a questa epidemia ed evitare che si ripresenti in questa forma drammatica come è avvenuto negli ultimi due anni, ma anche quella di far fronte alle diverse conseguenze di questa epidemia. Tra queste anche quelle economiche, come ad ad esempio la diminuzione dell’attività agricola e del commercio.

Con la raccolta diocesana dell’Avvento 2014 sono stati raccolti € 7.623,84, destinati alla Caritas di Nzerekoré in Guinea Conakry, per l’alimentazione delle persone in convalescenza dopo essere guarite da Ebola. Ringraziamo tutte le persone e parrocchie che si sono attivate ed hanno contribuito ad alleviare le sofferenze delle persone colpite dalla malattia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.