Casa Papa Francesco
S.ta San Pietro 14, Sanremo
giovedì 17 gennaio 2013

MALI, UNA CRISI CHE RISCHIA DI ALLARGARSI

 Il conflitto dimenticato per mesi.

Caritas Italiana in aiuto della popolazione vittima delle violenze.

Dopo l’offensiva dei gruppi ribelli e l’intervento militare francese, giunto al quinto giorno di raid aerei, si aggrava la situazione umanitaria in Mali, da mesi teatro di violenze diffuse e massicci spostamenti di popolazione. A fine dicembre erano già oltre 400.000 i profughi, che da marzo 2012 erano fuggiti dal Nord del paese verso il Sud, nelle aree di Mopti, Ségou, Bamako, Sikasso, Koulikoro, Kayes sotto il controllo del governo di transizione e verso i paesi limitrofi in particolare in Burkina Faso e Niger.
A seguito dell’acuirsi del conflitto negli ultimi giorni il numero di persone in fuga sta aumentando e vi sono già ulteriori vittime civili. La situazione è aggravata inoltre dalla distruzione delle infrastrutture sanitarie, scolastiche e amministrative, dalla mancanza di
carburante per fornire le stazioni di depurazione dell’acqua, dalle crescenti difficoltà di approvvigionamento di viveri e articoli essenziali per l’igiene. Per evitare infiltrazioni dei ribelli al Sud, tutte le strade risultano bloccate, aumentando così i rischi e la vulnerabilità per la popolazione civile.

La Caritas del Mali sta monitorando la situazione al fine di far fronte ai nuovi bisogni che stanno emergendo dall’intensificarsi del conflitto. A tal fine ha già predisposto un piano comune con Caritas Niger, Burkina Faso e Senegal per far fronte in modo esteso alla crisi. Le azioni più urgenti e immediate sono la distribuzione di kit igienico-sanitari, coperte, tende e kit di trattamento dell’acqua. Caritas Italiana, anche attraverso proprio personale presente nell’area del Sahel, segue l’evolversi della situazione ed ha partecipato alla predisposizione del piano di interventi.

Come ricorda Théodore Togo, Segretario Nazionale della Caritas Mali, nel paese vi erano da tempo varie minacce alla pace: la mancata demilitarizzazione dei gruppi armati nel Nord, la crisi alimentare ed economica, l’aumento delle disparità sociali, la crisi in Libia che ha provocato l’afflusso di armi in Mali e da ultimo il colpo di stato militare del 22 marzo 2012, a cui è seguita l’istituzione di un governo di transizione.

La crisi maliana è l’ennesima dimostrazione di come “la pace sia il bene per eccellenza da invocare come dono di Dio e, al tempo stesso, da costruire con ogni sforzo” (Benedetto XVI, Omelia del 1-1-2013), quotidianamente, senza attendere, come è accaduto, l’esplosione e l’acuirsi di un conflitto ignorato per mesi. Un conflitto che rischia ora di estendersi a tutta la regione del Sahel che, dopo la pesante crisi alimentare vissuta l’anno passato, è ora colpita da un’ondata di conflitti: in Mali, ma anche in Nigeria e nella Repubblica Centro Africana.

Caritas Italiana ha stanziato un primo contributo di 60.000 euro e sostiene da tempo le azioni di aiuto che Caritas Mali ha in atto sin dall’inizio del conflitto. Oltre 40.000 persone hanno già beneficiato di assistenza alimentare attraverso la distribuzione gratuita, la vendita a prezzi sovvenzionati di beni alimentari, attività di “food for work” (cibo in cambio di lavoro).

Il piano di intervento ha previsto anche il sostegno all’agricoltura a vantaggio di oltre 1.400 famiglie e 47
organizzazioni locali di agricoltori.
Per sostenere gli interventi in corso nelle due emergenze, si possono inviare offerte a Caritas Italiana tramite

C/C POSTALE N. 347013 specificando nella causale: “Crisi Sahel – Mali”
Offerte sono possibili anche tramite altri canali, tra cui:
 UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119
 Banca Prossima, via Aurelia 796, Roma – Iban: IT 06 A 03359 01600 100000012474
 Intesa Sanpaolo, via Aurelia 396/A, Roma – Iban: IT 95 M 03069 05098 100000005384
 Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT 29 U 05018 03200 000000011113

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top
9j2x3b - dihfm5 - sbehsi - 1mf5vw - zgnaya - ir4zbv - skegu6 - djv7af