lunedì 7 Aprile 2014

RUANDA: NON DIMENTICARE

index “In Ruanda ancora oggi ci sono ferite profonde da guarire. È importante superare i pregiudizi e le divisioni etniche e proseguire sul cammino della riconciliazione”. Così Papa Francesco ai vescovi del Ruanda, ricevuti in visita ad Limina in occasione del ventesimo anniversario del genocidio che si consumò nel paese nel 1994.
I numeri di quella mattanza sono ancora imprecisi, si parla di 800.000 morti in 100 giorni a partire dal 6 aprile 1994 in concomitanza con l’abbattimento con un missile terra aria dell’aereo presidenziale dell’allora presidente Juvénal Habyarimana.
Un genocidio che ha lasciato il mondo indifferente per molte settimane.
Il conflitto ha avuto conseguenze in tutta l’area dei Grandi Laghi, con milioni di profughi nei paesi limitrofi (Burundi, Repubblica Democratica del Congo, Tanzania, Uganda, Kenya) e ha contribuito fortemente ad alimentare i conflitti che si sono succeduti in seguito in alcuni di questi paesi: la guerra civile del Burundi dal 1993 al 2005 e poi la prima e la seconda guerra del Congo (1996 – 1997 e 1998-2003) che hanno provocato milioni di vittime e di cui ancora oggi si pagano le conseguenze. L’area del Nord Kivu nella Repubblica Democratica del Congo è ancora oggi teatro di una fortissima instabilità dovuta anche alla contesa delle risorse minerarie di cui la regione è ricca.
In Ruanda e in tutta la regione dei Grandi Laghi, Caritas Italiana, sin dai primi mesi, realizzò un intervento ad ampio raggio a sostegno di realtà della Chiesa locale per favorire la riconciliazione e lo sviluppo, a partire da alcuni ambiti prioritari: la sanità, i minori, le carceri, la ricostruzione e la ripresa socio-economica. Al programma, che ha avuto una durata pluriennale, parteciparono numerose Caritas diocesane italiane, alcune delle quali ancora oggi hanno mantenuto un rapporto di prossimità con la Chiesa ruandese.
Negli anni si sono succeduti numerosi volontari, operatori e giovani in servizio civile in tutta l’area dei Grandi Laghi. Ad esempio a Giseny è attualmente in atto un progetto di servizio civile curato in collaborazione con la Caritas di Frosinone – Veroli – Ferentino con 4 giovani che da circa un mese sono in Ruanda per affiancare la parrocchia di Giseny in diversi progetti socio- sanitari e di sviluppo socio-economico in favore di fasce vulnerabili della popolazione.
L’impegno della Chiesa prosegue dunque in Ruanda, ma anche nella Repubblica Democratica del Congo, con il recupero di ex-bambini soldato, e in Burundi per la promozione della pace tra i giovani nel Centro Kamenge a Bujumbura, il rientro dei profughi e la ripresa socio-economica.
Il ricordo del genocidio ruandese, purtroppo, pone di nuovo in risalto la questione dell’Africa come continente impoverito e violentato, ancora preda di crisi ricorrenti, miseria strutturale e guerre: Repubblica centrafricana, Sud Sudan, Sudan, Repubblica Democratica del Congo, Nigeria, Mali, i focolai più recenti. Conflitti spesso dipinti come etnico-religiosi ma che hanno origine da interessi di potere ed economici, locali ed esteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.