Centro Ascolto Caritas Intemelia

ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
CARITAS INTEMELIA O.N.L.US.
 
 
 
Via San Secondo, 20
18039 Ventimiglia -IM-
tel: 0184 355058
fax: 0184 238418
e-mail: organizzazione@caritasintemelia.com

CODICE FISCALE: n° 90033450082

C/C BANCARIO: CARIGE VENTIMIGLIA fil. 312
IBAN: IT03 N 061 7549 1100 0000 1549380
BIC: CRGEITGG312

Persone di riferimento:  Christian Papini

L’associazione

La nostra organizzazione opera dal 1991 nella Zona n° 1 della Regione Liguria, ora Distretto Socio Sanitario n° 1 (Ambiti Territoriali Sociali di Ventimiglia, Camporosso, Vallecrosia, Bordighera e rispettive vallate).

E’ un’associazione di volontariato – ONLUS iscritta al registro regionale, promossa dalla Caritas Diocesana di Ventimiglia Sanremo per la gestione dei servizi nel ponente della Diocesi.

Il lavoro è svolto da circa 70 volontari e circa 10 tra dipendenti e collaboratori (in prevalenza educatori), attraverso la gestione del Centro Ascolto e Accoglienza.

 

Servizi

  • Centro Ascolto dal lunedì al sabato ore 9-11

  • Servizi di Prima Assistenza: 

    alimentari – dal lunedì al sabato ore 9-11

    vestiario – dal lunedì al giovedì ore 9-11

    docce – dal lunedì al giovedì ore 9-11


  • Servizio Visite Medico Generiche giovedì ore 11-12 (solo per persone prive di medico di base)

  • Accoglienza notturna maschile (10 posti) – femminile (6 posti) e mensa serale (25 posti)


  • Servizi territoriali socio-educativi (sostegno domiciliare ed accompagnamento)

Metodologia di lavoro

L’associazione, in base all’art. 2 e 3 dello Statuto, intende promuovere la crescita umana e sociale delle persone in difficoltà, in una visione ispirata alla concezione cristiana dell’uomo e della realtà in cui vive; l’attività viene svolta mediante l’ascolto di persone in difficoltà, l’orientamento delle medesime verso la risposta più adatta ai loro bisogni e l’intervento immediato a fronte delle emergenze, in collaborazione con tutte le realtà sociali, sanitarie ed educative pubbliche e private presenti sul territorio.

Le attività ed i servizi prestati posso essere suddivisi su due livelli:

Primo livello:

Il primo livello permette di entrare in contatto con le persone, di fornire consulenza e una prima assistenza materiale anche agli individui in transito, sia stranieri che italiani, nonché di elaborare un primo progetto i residenti.

Secondo livello:

Il secondo livello permette di costruire percorsi per la socializzazione, il reinserimento, il prendersi cura delle persone che necessitano di un progetto individualizzato(ad es: servizio di educativa territoriale).

L’attività di sensibilizzazione è un altro settore di impegno continuo, anche sein genere i temi dell’emarginazione e dell’immigrazione non sono molto ben accetti dall’opinione pubblica locale. Le azioni rivolte alla comunità dei cittadini hanno l’obiettivo di far crescere l’accoglienza e la solidarietà, riconoscendo la responsabilità di tutti (in primis degli “individui integrati”) per l’esistenza di situazioni di povertà estrema. Si vorrebbe pertanto favorire un percorso da fare assieme, nuove modalità di incontro tra “esclusi” ed “integrati” al fine di superare (o per lo meno ridurre e contenere) le varie forme di esclusione e le cause che le producono. Strumenti utilizzati: incontri nelle scuole, con gruppi ed associazioni, convegni, rassegne cinematografiche, feste multiculturali, pubblicazioni, utilizzo dei mass media locali, etc.